BLOG AZIENDALE O E-COMMERCE BLOG. PERCHE’ CREARLO.

28 luglio 2017
​Svelato il quarto segreto di Fatima: avere un blog è uno degli strumenti più importanti che le aziende hanno a disposizione per coinvolgere, fidelizzare, vendere. Vediamo come, quando e perché…

__________________________________________________________

Questo non è il solito articolo da leggere con l’attenzione soporifera da pennichella post pasto. Si tratta di una serie di consigli essenziali per generare traffico sul proprio blog e splendere in visibilità, mettendo in ombra la concorrenza. Ti si è accesa la lampadina? Bene. Che tu sia un neo imprenditore o una persona alla disperata ricerca di visite al tuo sito aziendale, devi necessariamente leggere questo post. E magari condividerlo, tra i nostri scroscianti applausi.

Goliardia a parte, oggi vogliamo condividere con te alcuni consigli relativi alla creazione di un blog aziendale o di un eCommerce Blog. E più precisamente, la domanda da svariati milioni in gettoni d’oro è: oggi puntare sui contenuti di qualità può fare la differenza, oppure no?

La risposta è un sonoro SÌ, e non lo diciamo noi, ma le statistiche. Oggi del resto non sono i prodotti fisici che contano, ma altre cose intangibili chiamate ‘informazioni’. Bisogna imparare a mettere da parte il timore di divulgare preziosi segreti al mondo e piuttosto buttarsi per fornire informazioni utili degne di nota e di qualità. La qualità paga sempre, ricordalo. Del resto, ogni realtà aziendale ha delle conoscenze e competenze che la rendono unica rispetto ad un’altra. Esattamente come le persone. Siamo tutti diversi, ma ognuno ha qualcosa di unico da raccontare, ha una sua storia che la differenzia dai suoi simili.

 

Oggi le persone si sono letteralmente sfrantumate i gioielli di famiglia nel vedere grandi cartelloni pubblicitari o pagine di siti web che comunicano che l’azienda tal dei tali è la migliore in assoluto, che è il leader indiscusso del nostro sistema solare e oltre. La pubblicità da ‘me la suono e me la canto’ è un disco rotto. Roba anni ’90. La musica è cambiata, da un pezzo. Anche per quanto riguarda gli eCommerce. Si vedono molti negozi sul web, di tutti i tipi, ma quanti sono quelli che davvero lavorano grazie al portale online? Cosa hanno in più rispetto agli altri? Budget stellari a disposizione?

Forse alcuni, sicuramente pochi, o comunque c’era una volta un budget decente….

Oggi la maggior parte degli eCommerce riguarda piccole realtà imprenditoriali, che non possono permettersi grandi costi pubblicitari, e devono puntare su altro per farsi strada nel mare magnum del mercato. Il problema è che sono pochi quelli che online sanno dare informazioni di qualità, per chi ad esempio è alla ricerca di un nuovo sbattitore ad immersione per le ricette fatte in casa (da postare rigorosamente sui social, of course). Un blog serve proprio a questo, a raccontare il prodotto che da solo non può parlare, a narrare l’azienda stessa, i membri dello staff e la filosofia che guida l’impresa. La gente ricerca quotidianamente informazioni, vuole sapere vita, morte e miracoli di un prodotto prima di acquistarlo, vuole conoscere chi sei e cosa fai, perché fa sempre più fatica a fidarsi. Ed essere il leader, il migliore, il più bravo equivale a dire nulla.

Il blog è il luogo ideale per far transitare il traffico e indirizzarlo al tuo sito giocando sulla ricerca di informazioni. Tuttavia, senza contenuti di qualità, ricchi di parole chiave, non potrai avere dei canali di accesso al sito sufficienti per la tua impresa. Migliaia di persone avranno già scritto un articolo che parla di come “eliminare le macchie di sudore dai vestiti”, ma quanti hanno pensato di scriverne uno che abbia molte più informazioni, che tratti sfaccettature del problema in maniera peculiare, che sia in italiano corretto, e che punti sulla sfera emozionale? Molto pochi.

 

In definitiva, cosa apporta un blog al business di un eCommerce o di sito aziendale? Prendi nota:

  • Dimostra che sei avanti rispetto ai tuoi concorrenti. E non è poco.
  • Dimostra la tua passione e i bisogni che puoi intercettare nel tuo potenziale pubblico
  • Dimostra una effettiva autorevolezza
  • Coinvolge e ispira i potenziali acquirenti. L’utente, oggi, vuole essere coinvolto.
  • Condivide casi studio e informazioni ricercate
  • Palesa le tue realizzazioni ed i tuoi successi
  • Ti ‘costringe’ alla ricerca di nuovi prodotti e nuove opportunità
  • Condivide notizie positive e buone pratiche
  • Fa rete con altre società per il business to business
  • Intrattiene con contenuti di qualità e fidelizza raccontando il brand e i suoi valori

 

Sono questi i motivi per creare un blog in grado di generare traffico sul proprio sito. Ma non è tutto. Una ricetta, si sa, è composta da più ingredienti. ll blog, di conseguenza, da solo non basta. Un eCommerce non è solo un sito con un catalogo prodotti, è un progetto di business ampio e complesso, e va gestito bene e in maniera performante, altrimenti sarà sempre e solo un secchio senza fondo. Sarebbe bello poter scrivere ottimi contenuti e ottenere i primi posti nei motori di ricerca, ma per raggiungere questo traguardo è necessario anche rifare il sito, sviluppando un layout più pulito, impattante e responsive, in modo da migliorare anche quei parametri che sono diretta conseguenza della UX e, soprattutto, ottimizzare la SEO on page, ma di quest’ultimo aspetto ne parleremo compiutamente in uno dei prossimi articoli.

E tu, hai un eCommerce o un sito aziendale? Hai mai pensato di affiancargli un blog per incrementare le vendite e migliorare la tua visibilità? Parlacene…

Leave a Comment

*Please complete all fields correctly